MOTORI24
17 marzo 2016

Usa, dal 2022 freni d’emergenza automatici su tutte le auto

di Andrea Malan

				FOTO: Usa, dal 2022 freni d’emergenza automatici su tutte le auto
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Accordo storico tra le autorità americane e 20 case automobilistiche, che si impegnano entro il primo settembre del 2022 ad adottare come standard sulle loro vetture il sistema di frenata d'emergenza autonoma. L'intesa, annunciata ieri dalla Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration), l'agenzia preposta alla sicurezza sulle strade statunitensi, è un passo importante verso la diffusione dei sistemi di guida autonoma.

I produttori che hanno firmato l'accordo rappresentano quasi la totalità del mercato americano delle quattro ruote: Audi, Bmw, Fca Us (divisione americana di Fiat Chrysler), Ford, General Motors, Honda, Hyundai, Jaguar Land Rover, Kia, Maserati, Mazda, Mercedes-Benz, Mitsubishi, Nissan, Porsche, Subaru, Tesla, Toyota, Volkswagen e Volvo. Secondo la Nhtsa, questo impegno significa che questa tecnologia sarà disponibile a più consumatori più velocemente di quanto non sarebbe possibile attraverso un processo regolatorio.

I sistemi AEB (automated emergency braking) evitano incidenti o ne riducono la gravità frenando al posto del conducente. Tali sistemi utilizzano sensori come radar, telecamere o laser per individuare il rischio imminente di uno scontro; avvertono il guidatore e frenano al suo posto quando quest'ultimo non agisce abbastanza in fretta. Tali sistemi sono già disponibili sulle vetture di gamma più elevata.

Con il recente aumento delle vittime di incidenti stradali, l'impegno preso oggi potrebbe salvare più vite di qualsiasi altra misura possiamo prendere nei prossimi sei anni» ha detto Deborah A.P. Hersman, presidente del National Safety Council. I dati Usa più recenti mostrano, per i primi nove mesi del 2015, un aumento delle vittime di incidenti stradali del 9% a circa 26mila, incremento dovuto solo in parte (+3,5%) alla crescita del traffico.

RSS

in collaborazione con MOTORNET.IT