MOTORI24
12 febbraio 2016

Dalla Fiat Tipo sw alla Maserati Levante: il «made in Italy» a Ginevra

Delle 130 novità annunciate per la 86a edizione del Salone di Ginevra, quelle proposte dal “made in Italy” saranno fra le più “pesanti”. Tutti i brand del Gruppo FCA venduti in Europa, infatti, espongono a Ginevra delle anteprime mondiali.

				FOTO: Dalla Fiat Tipo sw alla Maserati Levante: il «made in Italy» a Ginevra
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

A cominciare da Maserati che con il primo Suv, la Levante, punta a conquistare il titolo di “reginetta” della rassegna svizzera. Il progetto, ambizioso, è tutto “made in Italy”: lo stile è chiaramente italiano, ma anche il telaio è quello della Ghibli sul quale verrà installato un motore sei cilindri a V di 3000 cc diesel da 250 o 275 CV e i benzina realizzati in collaborazione con la Ferrari di 3000 V6 biturbo da 410 Cv e di 3800 cc V8 da 530 CV. Il cambio sarà lo ZF a 8 marce e la trazione a quattro ruote motrici. E per finire la Levante verrà prodotta a Mirafiori. Altro “fiore all'occhiello” italiano, la Ferrari, farà debuttare a Ginevra la GTC4Lusso, l'erede della FF con in più le quattro ruote sterzanti e uno stile più elegante oltre ad ampliare la famiglia della 2+2 scoperta, la California T, con l'inedito allestimento sportivo HS che sta per Handling Speciale.

E veniamo all'Alfa Romeo e la Giulia in particolare. Il primo modello della rinascita del Biscione a Ginevra svelerà il resto della gamma che si affianca alla Quadrifoglio proprio alla vigilia della commercializzazione in Europa. C'è molto attesa per vedere da vicino le Giulia “normali” forse meno “muscolari”, ma destinate ad un pubblico più vasto. E poi Fiat che dopo il successo della Tipo berlina, espone a Ginevra le altre due varianti già annunciate, la 5 porte e la station wagon. Per la 5 porte il dettaglio più personalizzante sarà l'ampio portellone. Da segnalare un terzo vetro laterale che aumenta la sensazione di abitabilità all'interno. Per le famiglie più numerose, invece, Fiat proporrà la station wagon della nuova Tipo. Le forme restano sempre filanti sia pure declinate in forma “classica”.

E' logico aspettarsi maggiore abitabilità rispetto alla berlina che pure non è male, tanto che la capacità di carico massima dovrebbe essere di 1600 litri sia pure col divano dietro reclinato. Per entrambe le nuove Tipo l'abitacolo disporrà degli stessi comandi nella plancia disposti altrettanto razionalmente come sulla berlina. In aggiunta il sistema multimediale oltre allo schermo di 5 pollici avrà come supporto il pacchetto Uconnect, per collegare all'impianto tutti i smartphone in circolazione. Infine i motori saranno gli stessi della berlina: a benzina il 1400 cc da 95 CV o in alternativa il 1600 cc da 110 CV. Per i diesel sarà disponibile sia il 1300 cc Multijet da 95 CV che il 1600 cc da 120 CV. Il cambio automatico sarà offerto a richiesta, mentre di serie è previsto il manuale a cinque rapporti o in alternativa a sei marce. Infine Jeep che è il brand più internazionale del Gruppo FCA farà debuttare in anteprima mondiale al Salone di Ginevra la nuova Compass: dovrebbe chiamarsi così l'ennesima rivale della Nissan Qasquai. La Compass è destinata ad inserirsi fra la Renagade e la Cherokee prendendo, probabilmente, il meglio dell'una e dell'altra.
C.Ca.

RSS

in collaborazione con MOTORNET.IT