MOTORI24

				FOTO: Fiat 500 Twin Air, ecco come va il bicilindrico dei miracoli
12 luglio 2010

Fiat 500 Twin Air, ecco come va il bicilindrico dei miracoli

di Massimo Mambretti
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Il terzo compleanno della seconda generazione della 500 apre un nuovo capitolo del repertorio motoristico del gruppo Fiat. Un settore che negli ultimi vent'anni ha portato alla ribalta tante innovazioni – basti pensare al sistema Common Rail – e che proprio di recente ha visto assegnare al MultiAir il titolo di Motore dell'Anno. Con la 500, che in 36 mesi ha conquistato le simpatie di oltre 550mila automobilisti, il palmares "rischia" di diventare ancora più consistente poiché i ranghi della più trendy delle Fiat vengono rimpolpati da una schiera di versioni – a berlina e Cabrio – spinte dall'innovativo TwinAir. Si tratta un sofisticato bicilindrico di 900 cc, annunciato in occasione del Salone di Ginevra, pronto a declinarsi in una famiglia che partendo dall'unità da 85 cv disponibile da settembre, con distribuzione a 4 valvole per cilindro e sovralimentazione affidata a un turbo di piccole dimensioni, includerà una variante più prestazionale con 105 cv e un'altra più tranquilla (non turbo) da 65 cv.
Ma l'ultima fatica di Fiat Powertrain Technologies – il settore del gruppo automobilistico italiano dedicato alla ricerca, sviluppo, produzione e vendita di motori e cambi – ha davanti un futuro con tanti altri impegni: dal prossimo equipaggiamento della Panda sino all'impiego nella propulsione ibrida e all'abbinamento con i cambi a doppia frizione, oltre che con i sistemi a doppia alimentazione. Intanto, il TwinAir, un vero gioiello della tecnologia, assegna alla 500 il titolo di auto a benzina con le minori emissioni al mondo di CO2: 92 g/km quando si opta per il cambio robotizzato, 95 con quello manuale.
Frutto dell'integrazione fra la tecnologia Multiair – gestisce in continuazione e in maniera indipendente per ogni cilindro la combustione per ottenere risposte più pronte ai comandi dell'acceleratore, incrementi della coppia e della potenza rispetto a motori tradizionali di analoga cilindrata a fronte di consistenti riduzioni dei consumi e delle emissioni – e l'estremizzazione del concetto downsizing, poiché alla riduzione della cubatura affianca quella del numero dei cilindri, origina una 500 con consumi migliori della meno potente e prestazioni non tanto lontane dalla più "grande".
Alla prova dei fatti la 500 TwinAir (di serie monta anche lo Start&Stop) conferma come l'intento di privilegiare la sobrietà non vada a discapito della gradevole fruibilità. Dal posto guida questo postulato è confermato dal rendimento convincente del nuovo motore che spinge prontamente e silenziosamente sin dai regimi più bassi, sfodera un'apprezzabile elasticità, sostiene adeguatamente le andature autostradali e con la sua leggera struttura asseconda la costanza del comportamento. Il quadro è completato anche dal fatto che la particolare timbrica dei motori bicilindrici e le vibrazioni, grazie anche all'albero controrotante nel basamento, restino ben al di fuori dell'abitacolo. Abbinato a un cambio con rapporti lunghi non sorprende (ovviamente) per la rapidità con cui guadagna giri, ma questa spaziatura è un pegno imposto dalla sua coscienza ecologica. Può essere ulteriormente valorizzata innescando la logica Eco (con un tasto sulla plancia) che definisce una coppia di 100 Nm a 2.000 giri e innesca la servoassistenza City dello sterzo.

TAGS:
 
RSS

motori e...
MAPPE24
Cerca indirizzi, calcola percorsi, trova punti di interesse, ristoranti e hotel.
Paese CERCA
Indirizzo
Città, località
 
RISTORANTIRistoranti HOTELHotel TURISMOTurismo
shopping

in collaborazione con MOTORNET.IT