MOTORI24
13 OTTOBRE 2008

Semafori «rallentatori» in contrasto con il Codice

di Maurizio Caprino e Paolo Giachetti
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Finora la polemica era rimasta nell'ambiente ovattato degli addetti ai lavori. Lo spegnimento dei semafori che fanno scattare il rosso per chi va troppo veloce – imposto l'anno scorso dal ministero dei Trasporti – ha fatto molto discutere in Trentino, dove questi impianti erano stati installati in quantità, come in Lombardia e Piemonte: due giovanissimi fidanzati sono stati investiti con conseguenze tragiche in un abitato che avrebbe dovuto essere «protetto» da questi semafori.

Premesso che l'investitore è poi risultato completamente ubriaco e quindi avrebbe potuto comunque causare l'incidente, gli sviluppi della questione sono importanti. Infatti, alcuni esperti contestano il parere ministeriale che ha portato a disattivare i semafori «rallentatori».

In sintesi, il ministero era partito dalla constatazione che il Codice della strada non prevede che i semafori possano essere regolati in base all'eccessiva velocità tenuta da uno dei veicoli che vi si avvicinano (perché assegna loro solo il compito di regolare il traffico agli incroci o sugli attraversamenti pedonali più pericolosi) e impone che infrazioni del genere siano punite usando gli appositi rilevatori (Autovelox e simili). Il ministero fa anche notare che impianti del genere comportano l'accensione del rosso in modo inatteso e quindi pericoloso e che costringono a fermarsi anche coloro che circolano nella stessa direzione del trasgressore, penalizzandoli ingiustamente.

I tecnici che contestano il ministero ammettono addirittura due ulteriori controindicazioni: questi semafori funzionano in modo che chi passa addirittura al doppio della velocità consentita trova comunque il verde, lasciando il rosso solo a chi li segue andando piano; inoltre, non è detto che vengano rispettati da chi va troppo veloce. Ma i tecnici sostengono che si può rimediare, ad esempio installando questi semafori solo in tratti stretti e con curve (dove non si può accelerare più di tanto) e abbinando loro rilevatori che consentono di multare chi passa col rosso. Inoltre, i risultati ottenuti all'estero sarebbero positivi. Insomma, anche nella migliore delle ipotesi, questi impianti non risolvono tutti i problemi.

Probabilmente per proteggere i centri abitati attraversati da traffico veloce sarebbe meglio rafforzare i controlli di velocità. Ma aumentare le pattuglie è difficile, date le note carenze negli organici delle forze di polizia. E installare rilevatori automatici è addirittura impossibile, perché sulle strade urbane il Codice della strada lo vieta. Forse sarà bene modificarlo per autorizzare controlli automatici anche in città, sia pure a certe condizioni. (ha collaborato Fabrizio Patti)

TAGS:
RSS

in collaborazione con MOTORNET.IT