MOTORI24
5 gennaio 2016

Toyota insieme a Ford “contro” Google ed Apple

I giapponesi adottano la piattaforma open source SDL degli americani, alla ricerca dell'indipendenza dalla Silicon Valley
Adriano Tosi

				FOTO: Toyota insieme a Ford “contro” Google ed Apple
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Toyota fa il suo “enodorsment” alla tecnologia Ford. La grande sfida dell'automobile che verrà si gioca anche sul campo della strategia e delle alleanze: Audi, BMW e Mercedes si sono comprate - insieme - le mappe HERE di Nokia e, pochi giorni fa, Toyota ha annunciato che adotterà il sistema SDL (Smart Device Link) di Ford, la piattaforma di infotainment open source che la Casa americana ha messo a disposizione di tutti per l'integrazione dello smartphone al'interno del veicolo.


Se non è una dichiarazione di guerra (commerciale) ad Apple e Google questa... Anche perché SDL offre il vantaggio, alle Case auto, di mantenere la propria “identità” anche nel sistema di infotainment (la grafica e la selezione delle app è libera). Inoltre, l'ingresso di Toyota in SDL potrebbe creare un importante efffetto volano: il numero di veicoli che lo utilizzano cresce considerevolmente, il che rende attrattivo per le aziende di sotware sviluppare app per SDL, con la conseguenza che altre Case auto potrebbero essere interessate a sviluppare un proprio sistema su base SDL. Secondo i ben informati, Mazda, PSA, Honda e Subaru stanno facendo valutazioni a tal proposito.

RSS

in collaborazione con MOTORNET.IT