MOTORI24
5 gennaio 2015

Bmw studia l’auto del futuro che si comanda con i gesti

La casa bavarese svela al Ces Di Las Vegas “i Vision Future Interaction”, nuova tecnolgia di interfaccia e interazione tra l'uomo e la macchina. E' giÓ pronta ma ancora da deliberare per la produzione e la troveremo nei prossimi anni sulle vetture di serie
di Adriano Tosi

				FOTO: Bmw studia l’auto del futuro che si comanda con i gesti
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Las Vegas - Si chiama “i Vision Future Interaction” e in Bmw non esitano a definirla il loro stato dell'arte. Apparentemente, Ŕ “solo” una i8 cabrio e senza portiere. In realtÓ, concentra tutto il meglio della Casa tedesca in termini di sicurezza, facilitÓ d'uso e integrazione con “Internet delle cose”. Il suo scopo Ŕ quello di cambiare l'esperienza di viaggio e il concetto stesso di piacere di guida.

Presentando “i Vision Future Interaction”, Klaus Fr÷hlich - capo Ricerca e Sviluppo e membro del board BMW - non ha nascosto che per una volta persino BMW lascia da parte velocitÓ massima e accelerazione, concentrandosi piuttosto sulle capacitÓ predittive del veicolo, sulla massimizzazone della sicurezza e la riduzione dello stress negli spostamenti quotidiani.

Come si traduce nella realtÓ tutto ci˛? Attraverso AirTocuh, per esempio, i gesti dei passeggeri vengono “letti” sui tre assi (in 3D: per ridurre al minimo il tempo di distrazione dalla strada). Ancora, la propria auto sarÓ in grado di decidere se far suonare prima la sveglia dello smartphone connesso, qualora sulla strada da percorrere ci sia congestione del traffico (questa funzione arriverÓ a breve).

Ancora, la “i Vision Future Interaction” Ŕ capace di individuare un parcheggio libero e di andare a occuparlo, per poi tornare a prendere il proprietario dove lo aveva lasciato. Anche questa tecnologia Ŕ giÓ pronta, l'abbiamo vista in azione qui al CES su una i3 e fa impressione vedere l'auto che in seguito a un cenno ben preciso della mano si avvia, attiva gli indicatori di direzione e si posteggia in totale autonomia. Tra quanto su strada? Non si sa: il problema Ŕ legislativo, visto che al momento non Ŕ possibile in nessuno Stato del mondo lasciare un'auto libera di circolare senza conducente.

RSS

in collaborazione con MOTORNET.IT