MOTORI24
23 marzo 2009

Arriva la Tata Nano, l'auto meno cara al mondo

di Mario Cianflone
STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo

Arriva la Nano, la vettura più economica del mondo, oggetto di un battage mediatico da far invidia all'Ipod. Attenzione, però, la piccola auto non è ancora pronta per circolare in Europa: le sue prestazioni sono oltremodo scarse, non ha sistemi elettronici di sicurezza ed è priva di accessori fondamentali come il servosterzo, ma il suo compito è quello di trasformare milioni di indiani in automobilisti.
Tata Motors ha svelato, oggi 23 marzo, la versione definitiva, pronta per le vendite della «Nano», l'auto che con il prezzo base di 100.000 rupie (poco più di 1.500 euro), si aggiudicherà il titolo di «più economica al mondo».

La Nano monta un motore due cilindri da 623 cc, tutto in alluminio, e una potenza di 33 cavalli, in pratica quella erogata da uno scooter medio grande e corrispondente a quella del motore bicilindrico della Panda 30 del 1979 o delle antiche Citroen 2Cv e Dyane. I consumi dichiarati sono di 23,6 chilometri con un litro di benzina, con emissioni di C02 ovviamente molto contenute (101 gr/ di CO2 per chilometro).

Tre le versioni disponibili: Standard, Cx e ed Lx.. La prima è la versione base: spartanissima e disponibile in soli tre colori con interni molto semplificati. La seconda monta già impianto di riscaldamento e climatizzazione. La terza, la più "ricca" anche gli antinebbia e i vetri elettrici anteriori.
Sarà dell'8% più corta della Maruti 800, l'auto più economica offerta attualmente in India, ma sarà il 21% più spaziosa, potendo ospitare quattro, e anche cinque persone. Il lancio della mini-vettura in Europa, ad un prezzo sempre competitivo, ma molto superiore a quello indiano, è previsto per il 2011. Da segnalare che allestimenti e sistema di sicurezza non sono neppure paragonabili e quelli di una utilitaria europea moderna: dalla mancanza dell'Abs, all'esigua potenza e coppia del propulsore che certo non facilita i sorpassi.

La velocità massima è di poco superiore ai 100 km orari, insomma quanto la vecchia Fiat 500 del 1957, mentre il bagaglio di appena 100 litri, non è proprio il massimo per fare la spesa: ha la cubatura di due bauletti da scooter e circa tre/quattro volte meno capiente del bagagliaio di una utilitaria occidentale. Singolari le piccole ruote da 12 pollici posti agli angoli della carrozzeria: con questa disposizione è stato creato un abitacolo spazioso in un'auto lunga appena 3,10 metri, larga 1,50 e alta 1,6 metri.

La vetturetta per circolare in Italia e in Europa dovrà essere equipaggiata con sistemi «salvavita» come l'Abs e l'Esp che ne faranno lievitare il prezzo ed è tutto da dimostrare che i viziati automobilisti europei gradiranno una macchina ridotta all'osso, senza servosterzo e vetri elettrici (ci sono solo sull'allestimento più costoso Lx).
Accessori ora irrinunciabili ma che potrebbero far aumentare ulteriormente il listino rendendo la piccola macchina indiana poco competitiva. Inoltre dovrà passare al vaglio dei crash test.

Per quanto riguarda lo styling della carrozzeria, la bellezza è come sempre soggettiva, tuttavia non si può non evidenziare che il muso ha curiose similitudini con il posteriore della vecchia Ford Ka e ricorda a tratti la Mitsubishi Colt.

Per quest'anno, secondo gli esperti, Tata accetterà 70.000 prenotazioni, anche se non sarà in grado di produrre più di 50.000 veicoli. Una cifra che dal 2010 sarà sicuramente molto maggiore, per l'entrata in funzione di una nuova fabbrica a Sanand, nello Stato di Gujarat.

La vettura per l'India rappresenta quello che fu la 600 per gli italiani, la Ford T per gli americani e la Volkswagen, l'«auto del popolo» voluta da Hitler, per i tedeschi prima e per tutto il mondo dopo: ovvero una macchina destinata a motorizzare utenti abituati più alle due che alle quattro ruote. Non a a caso è stata descritta come «l'auto del popolo» proprio dal presidente del gruppo industriale industriale, Ratan Tata.

«Non vogliamo però - dichirato il numero della Casa - che la Nano sia vista come l'auto più economica del mondo, ma il veicolo per il popolo indiano, una macchina destinata rivoluzionare la vita quotidiana degli automobilisti indiani». Tata ha sottolineato che nonostante le difficoltà avute, «abbiamo deciso ugualmente di lanciare la Nano per rispondere alle attese del mercato».

La Nano comincerà ad essere consegnata a partire da luglio, e nella seconda settimana di aprile gli indiani potranno cominciare a prenotarla nelle agenzie della State Bank of India.

Il titolo di Tata Motors alla Borsa di Bombay è cresciuto di oltre l'8% all'inizio delle contrattazioni odierne, per assestarsi poi a metà giornata su un più modesto 3,67 pe cento.

23 marzo 2009
TAGS:
 
[foto]Foto
Tata Nano
RSS

motori e...
MAPPE24
Cerca indirizzi, calcola percorsi, trova punti di interesse, ristoranti e hotel.
Paese CERCA
Indirizzo
Città, località
 
RISTORANTIRistoranti HOTELHotel TURISMOTurismo
shopping

in collaborazione con MOTORNET.IT